Provincia del Sud Sardegna

Ordinanza Sindacale n° 6/2020 - Sospensione del commercio effettuato attraverso gli Open Shop presenti sul territorio Comunale - Temporanea misura preventiva per fronteggiare la pandemia " Coronavirus "

ORDINANZA SINDACALE N. 6 / 2020

OGGETTO: SOSPENSIONE DEL COMMERCIO EFFETTUATO ATTRAVERSO GLI OPEN SHOP PRESENTI SUL TERRITORIO COMUNALE - TEMPORANEA MISURA PREVENTIVA PER FRONTEGGIARE LA PANDEMIA "CORONAVIRUS"

IL SINDACO

Considerato che l’Organizzazione mondiale della sanità il 30 gennaio 2020 ha dichiarato l’epidemia da COVID-19 un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale;

Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020, con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

Visto il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19» e, in particolare, l’articolo 3;

Visto il D.L. 02/03/2020, n. 9, avente ad oggetto: “Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19”, ed in particolare l’art. 35, ove si prevede che “A seguito dell'adozione delle misure statali di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 non possono essere adottate e, ove adottate sono inefficaci, le ordinanze sindacali contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l'emergenza predetta in contrasto con le misure statali”;

Visto, in particolare, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, 8 marzo 2020, avente ad oggetto: “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”;

Considerati l’evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento dei casi sia sul territorio nazionale che regionale;

Dato atto che nel DPCM 8 marzo 2020, si dispongono le seguenti misure di prevenzione di carattere generale: “di evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori di cui all’articolo 1, nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute “;

Visto il DPCM del 9 marzo 2020, “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020 n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 (GU Serie Generale n. 62 del 09.03.2020) che estende la disciplina dell’articolo 1 a tutta la nazione italiana;

Visto il DPCM del 11 marzo 2020, “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020 n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 (GU Serie Generale n. 64 del 11.03.2020) che prevede la sospensione di numerose attività commerciali al dettaglio, di ristorazione e di servizio alla persona;

Considerato che, nello stesso DPCM, così come in quelli precedenti, si dispongono misure dirette ad evitare il formarsi di assembramenti di persone in luoghi chiusi onde evitare ogni occasione di possibile contagio che non sia riconducibile a esigenze specifiche o ad uno stato di necessità;

Viste le ordinanze n. 4 dell’8 marzo 2020 e n. 5 del 09 marzo 2020, emesse in materia di sanità pubblica dal Presidente della Regione Sardegna, riguardanti misure straordinarie urgenti per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID – 2019 nel territorio regionale della Sardegna, nonché la nota esplicativa dell’ordinanza n. 5/2020, emanata dal Presidente della Regione Sardegna con nota, prot. 2593 del 10.03.2020;

Verificato che è stato riscontrato, presso i luoghi in cui sono posizionate attività di commercio effettuate per mezzo di distributori automatici, il permanere di gruppi di persone sia dentro che fuori il luogo aperto al pubblico;

Valutato che l’ubicazione dei distributori automatici, senza nessuna tipologia di ingresso controllato, non consenta di rispettare l’obbligo di garantire la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;

Ritenuto, a titolo precauzionale, di sospendere, con decorrenza e sino a revoca, il commercio effettuato per mezzo di distributori automatici, presenti sul territorio Comunale, salva la possibilità, per il relativo gestore, di predisporre un’organizzazione tale da garantire l’accesso al distributore automatico che rispetti la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;

Richiamato il comma 4 dell’art.50 del D.Lgs.18 agosto 2000, n. 267 “Il Sindaco esercita altresì le altre funzioni attribuitegli quale autorità locale nelle materie previste da specifiche disposizioni di legge”;

ORDINA

Con decorrenza immediata e sino a revoca di:

sospendere, il commercio effettuato, sull’intero territorio Comunale, per mezzo di distributori automatici, salva la possibilità, per il relativo gestore, di predisporre un’organizzazione tale da garantire l’accesso al distributore automatico che rispetti la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;

DISPONE

Che la presente ordinanza venga pubblicata all’Albo Pretorio e resa nota alla Cittadinanza con le consuete forme di pubblicità;

Che venga notificata:

- Alla Prefettura di Cagliari;

- Al Comando della Stazione dei Carabinieri di Carloforte;

- Al Comando della Polizia Locale

- Ai Gestori degli Open Shop

A V V E R T E

- salvo che il fatto costituisca più grave reato, che il mancato rispetto degli obblighi di cui alla presente ordinanza è punito ai sensi dell’articolo 650 del codice penale, come previsto dall’art. 3, comma 4, del decreto-legge 23 febbraio 2020 n. 6;

- che ai sensi dell’art. 3 della L. 241/90, avverso il presente provvedimento potrà essere presentato ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni, ovvero ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni, termini tutti decorrenti dalla data di pubblicazione del presente provvedimento all’Albo Comunale;

DEMANDA

Agli agenti della Polizia Locale il controllo ed esecuzione della presente ordinanza

Carloforte 18/03/2020

Il Sindaco , Salvatore Puggioni.

AllegatoDimensione
PDF icon Ordinanza Sindacale n° 6/2020111.93 KB